Per rispondere alle esigenze di umanizzazione e qualità dei servizi sanitari che l'utenza propone attraverso gli organismi di tutela, l'Azienda intende affermare quei diritti che, alla luce delle sue risorse, potrà garantire sottolineando altresì i doveri dell'utente.

Solo nella collaborazione reciproca si realizza infatti il miglioramento della qualità dei servizi a tutela della salute del cittadino.


Diritti

  • L'utente ha il diritto di ottenere le informazioni che richiede sulle strutture sanitarie, le competenze delle stesse, le prestazioni che queste erogano e le modalità per accedervi.
  • Ha il diritto ad essere trattato come utente pagante, senza essere costretto a chiedere favoritismi per ottenere migliori prestazioni.
  • Ha il diritto di identificare il personale che deve essere dotato di cartellini di riconoscimento con nome e qualifica.
  • Ha il diritto al trasporto con l'ambulanza gratuito, tempestivo ed efficiente cioé con personale medico e paramedico adeguato alle es-igenze.
  • Ha il diritto di conoscere gli orari di ingresso per le visite ai degenti e quanto altro relativo ad orari e modalità di svolgimento della giornata di degenza e di contribuire alla loro definizione attraverso gli organismi che la rappresentano.
  • Il paziente ha il diritto alla visita del proprio medico di famiglia e di essere da lui seguito nella degenza, nonché al consulto tra questi e i medici ospedalieri.
  • Il paziente ha diritto di essere assistito e curato nel rispetto della dignità umana e delle proprie convinzioni filosofiche e religiose nonché a ricevere assistenza religiosa, se richiesta.
  • Ha il diritto al rispetto della propria intimità e pudore.
  • Durante la degenza ospedaliera ha diritto ad essere sempre individuato con il proprio nome e cognome anziché attraverso riferimenti alla patologia o al numero del letto occupato e che gli operatori si rivolgano a lui con un linguaggio rispettoso.
  • Il paziente ha diritto di ricevere dal medico ,direttamente o attraverso il familiare da lui delegato, le informazioni chiare, complete e comprensibili in merito alla diagnosi della malattia, alla terapia proposta e alla relativa prognosi.
  • Il bambino degente ha diritto ad avere vicino a se un familiare o una persona a lui gradita.
  • Il preadolescente e l'adolescente hanno diritto a mantenere la vita di relazione con degenza in stanze idonee a loro destinate.
  • Gli anziani degenti hanno il diritto a ricevere, anche al di fuori dell'orario stabilito per le visite, parenti o volontari chiamati ad integrare l'assistenza.
  • Il paziente ha il diritto di ottenere le informazioni richieste sulle modalità di somministrazione di farmaci o applicazione di mezzi terapeutici dall'infermiere addetto.
  • Il paziente ha diritto, salvo i casi di urgenza, di ricevere le notizie che gli permettano di esprimere il consenso informato prima di essere sotto-posto a terapia o ad intervento.
  • Il paziente ha diritto a dare la propria autorizzazione alle sperimen-tazioni relative ai farmaci, terapie, ecc. dopo una accurata informazione.
  • Il paziente ha altresì il diritto di essere informato sulla possibilità di indagine e trattamenti alternativi anche se eseguibili in altre strutture ed essere aiutato nella scelta e prenotazione della stessa.
  • Il paziente ha il diritto, se lo richiede, di ottenere che i dati relativi alla propria malattia e ogni altra circostanza che lo riguardi rimangano segreti.
  •  Ha il diritto di proporre reclami che debbono essere sollecitamente esaminati ed essere tempestivamente informato sull'esito degli stessi.
  • Ha il diritto di avere i propri rappresentanti in ospedale e ad essere tutelati nei confronti del personale e della amministrazione.


Doveri

  • Il cittadino malato quando accede in una struttura sanitaria dell'Azienda ha il dovere di comprendere e rispettare in ogni momento i diritti degli altri malati, limitando disturbi e disagi connessi a rumori, luci accese di notte, radioline ad alto volume, ed affollamento delle visite.
  • Il cittadino che si rivolge alle strutture sanitarie ed ospedaliere deve porsi con fiducia e rispetto verso il personale sanitario, collaborando con il personale per favorire un corretto programma terapeutico e assi-stenziale.
  • Il cittadino è tenuto al rispetto degli ambienti, delle attrezzature e degli arredi che si trovano all'interno delle strutture sanitarie essendo gli stessi patrimonio comune.
  • Il cittadino è tenuto altresì al rispetto degli orari delle visite stabilite, per consentire il normale svolgimento delle attività assistenziali e tera-peutiche e favorire il riposo degli altri pazienti.
  • Il cittadino che, dopo aver prenotato cure e/o prestazioni, sia impossibilitato o non intenda più avvalersene ha il dovere di informare tempestivamente i sanitari perché altri cittadini possano fruirne, evitando sprechi.
  • In situazioni di particolari necessità le visite al degente, al di fuori dell'orario prestabilito, dovranno essere autorizzate con permesso scritto, rilasciato dal primario o da persona da lui delegata.
  • Il cittadino ha il dovere di rispettare il divieto di fumare negli ambienti sanitari e di informarsi, nei modi e nelle sedi opportune, sull'organizzazione e sugli orari previsti rispettandoli in ogni circostanza.
  • Il personale sanitario, per quanto di competenza, ha il dovere di far rispettare le norme finalizzate al buon andamento del reparto ed al benessere del cittadino malato.